Mediazione linguistica

e interculturale

Negli ultimi anni, l’aumento esponenziale di cittadini stranieri sul territorio ha creato bisogni nuovi e la necessità di sviluppare nuove competenze nell’organizzazione di servizi, per rispondere alle istanze degli ospiti stranieri. La mediazione culturale rappresenta una funzione utile e necessaria per agevolare il processo di integrazione dei migranti e quello di mutamento della società di accoglienza. Quella che si sta formando è una generazione con possibilità infinite ed un dovere contribuire alla sua formazione; guardare le azioni dei nostri predecessori allo stesso modo di quelle dei nostri contemporanei e andare avanti, gettando le basi di una nuova comunitas, è in questo contesto che va inserita la figura del mediatore.

Il Centro di Mediazione Interculturale Anemone si pone l’obiettivo di facilitare la relazione fra stranieri e istituzioni, servizi pubblici, strutture private, favorendo il raccordo fra soggetti di culture diverse. Agente attivo nel processo di integrazione, il centro intende rappresentare un punto di riferimento anche per tutti i cittadini che, fuori dal circuito dell’accoglienza, si trovano soli a doversi muovere nei servizi e nella burocrazia. 

 

I mediatori collaborano con istituzioni ed organismi pubblici e privati nel processo di adeguamento delle prestazioni offerte all’utenza straniera, ed operano in tutte le situazioni di difficoltà comunicative e di comprensione tra persone di culture diverse, al fine di dissipare i malintesi o i potenziali conflitti dovuti ad un diverso sistema di codici e valori culturali.

Servizi offerti:

 

• Traduzione, interpretariato, decodificazione linguistico-culturale

• Orientamento, consulenza e informazione dell’utenza

• Accoglienza nei servizi

• Sensibilizzazione, promozione e pubblicizzazione